Guida di Firenze con informazioni turistiche su Firenze e la Toscana: arte, storia, eventi, hotel e b&b
Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)
portale turistico firenze hotel
I valori di una cultura aristocratica
In questo percorso palazzi, chiese, piazze, tutti aventi come secolo di riferimento il ‘400, concorrono a celebrare Firenze come culla dell’Umanesimo. In questo periodo infatti la città, grazie soprattutto al mecenatismo di Lorenzo de’ Medici, presenta un tale accentramento di ingegni - che spaziano dalla letteratura, alle scienze e alle arti figurative - quale si era visto in precedenza solo nell’Atene di Pericle.

L’itinerario proposto è suddiviso in due passeggiate, per ognuna delle quali si richiede un impegno di mezza giornata.

Si avverte il visitatore che la seconda passeggiata contiene un’anomalia, Palazzo Corsini, espressione dell’architettura barocca anche se temprata dalla sobrietà tipica della tradizione fiorentina.
Il suo inserimento nel percorso consigliato, anche se di natura topografica, permette al visitatore di mettere a confronto il gusto rinascimentale con quello del seicento.

  1. Palazzo Medici Riccardi
  2. S. Lorenzo
  3. Biblioteca Laurenziana
  4. Cappelle Medicee
  5. via de’ Cerretani
  6. S. Maria Maggiore
  7. Piazza Antinori
  8. via de’ Tornabuoni
  9. Palazzo Strozzi
  10. Piazza Santa Trinita
  11. Santa Trinita
  12. Ponte S. Trinita
  13. Lungarno e Palazzo Corsini
  14. Piazza e Basilica Ognissanti
  15. Palazzo Rucellai
  16. Piazza Santa Maria Novella
  17. Santa Maria Novella
  18. Farmacia di Santa Maria Novella

I TRATTO: da Palazzo Medici – Riccardi a Ponte Santa Trinita

Parlare di centro storico a Firenze è sicuramente poco significativo in quanto in questa città ogni monumento, ogni piazza, ogni scorcio panoramico, ci richiama alla storia e all’arte. Si può dire allora che il percorso proposto tocca palazzi famosi e via de’ Tornabuoni la più nota di Firenze per i suoi elegantissimi negozi. Dedicare una visita all’interno di questi paradisi o anche solo dare una sbirciatina attraverso le vetrine si rivela d’obbligo.


  1. Palazzo Medici Riccardi
  2. S. Lorenzo
  3. Biblioteca Laurenziana
  4. Cappelle Medicee
  5. via de’ Cerretani
  6. S. Maria Maggiore
  7. Piazza Antinori
  8. via de’ Tornabuoni
  9. Palazzo Strozzi
  10. Piazza Santa Trinita
  11. Santa Trinita
  12. Ponte S. Trinita

PALAZZO MEDICI - RICCARDI

Via Cavour, 3 (S. Marco)
Visita a pagamento
ORARI: dal giovedì al martedì, ore 9.00 – 19.00
Tel: 0552760340

Il primo palazzo rinascimentale a Firenze fu eretto per Cosimo De’ Medici il quale, in virtù d’una politica accorta, o come narra il Vasari: più per fuggire l’invidia che la spesa, rifiutò il progetto di dimora principesca che gli aveva prospettato il Brunelleschi e ne affidò la costruzione a Michelozzo (1444). Dai Medici il palazzo passò ai Riccardi ed ora è sede della Prefettura.
Il palazzo, ampliato nel XVII secolo, è il primo a presentare un bugnato digradante di piano in piano con un progressivo alleggerimento, bilanciato in parte dal ricco cornicione. Mentre il bugnato rustico del piano terreno conserva un sapore trecentesco, il motivo tradizionale delle bifore ai piani superiori è qui trattato con nuova e superba eleganza. Al 1517 risale la chiusura della loggia sull’angolo, operata da Michelangelo, al quale si devono le due bellissime finestre inginocchiate.
Sul fondo del cortile si apre l’ingresso ad un giardino, spazio verde che con Michelozzo, l’architetto delle ville Medicee, viene introdotto per la prima volta nello schema del palazzo urbano.
Dal cortile si accede al Museo Mediceo e si sale alla cappella affrescata da Benozzo Gozzoli nella quale è possibile ammirare la celebre Adorazione dei Magi (le figure sono in gran parte ritratti dei Medici).

BASILICA DI SAN LORENZO

Piazza San Lorenzo
Visita a pagamento
ORARI: dal lunedì al sabato ore 10.00 – 17.00.
Tel: 055216634 Disegnata da Brunelleschi e, alla sua morte, portata a termine da A. Manetti, suo discepolo, è una delle migliori creazioni religiose del primo Rinascimento (1442 – 1446). La facciata, per la cui realizzazione presentò un progetto anche Michelangelo, è rimasta grezza. Nell’interno, a tre navate con membrature in pietra serena e soffitto a lacunari, fa bella mostra di sé la balconata in alto, opera di Michelangelo. Tra le opere d’arte spiccano i due pergami in bronzo, ultima opera di Donatello, e la famosa Annunciazione di Filippino Lippi. Dal transetto sinistro si accede poi alla Sacrestia Vecchia, uno dei capolavori più preziosi del Rinascimento, disegnata da Filippo Brunelleschi e decorata da Donatello (1419 - 1428). Sulla pianta quadrata si innalza un cubo coperto da cupola emisferica. La geometrizzazione dello spazio è esaltata dal contrasto tra il bianco della muratura e i profili in pietra scura. L’altare è inserito in una piccola abside, anch’essa quadrata. Il sarcofago in porfido e bronzo con le spoglie di Giovanni e Piero de’ Medici, che si trova a sinistra dell’ingresso è opera di Andrea Verrocchio.

BIBLIOTECA LAURENZIANA

Piazza. San Lorenzo, 9
Visita a pagamento
ORARI:dal lunedì al sabato 8.30 – 13.30.
Tel: 055216634

La biblioteca, fondata da Cosimo il Vecchio, si trova in un edificio costruito da Michelangelo (1524–1578). L’architettura della sala, anch’essa progettata da Michelangelo insieme con i sedili,  mostra semplicità e rigore mentre quella del vestibolo e dello scalone anticipa i fasti  del barocco.
Nei plutei sono esposti i codici più preziosi per antichità e miniature.

CAPPELLE MEDICEE

Piazza Madonna degli Aldobrandini (S. Lorenzo))
Visita a pagamento
ORARI: 8.15 – 17.00.
CHIUSURE: ogni mese la 2° e la 4° domenica e il 1°, il 3° e il 5° lunedì.
Tel: 0552388602

Si entra in una vasta cripta dalla quale si sale alla Cappella dei Principi di gusto barocco. La costruzione è a pianta ottagonale con cupola, rivestita di marmi e di pietre dure, opera del Nigetti su disegno di Giovanni de’Medici (XVII secolo). La cappella contiene alcuni sarcofagi dei granduchi di Toscana.


Attraverso un corridoio si raggiunge poi la Sagrestia Nuova iniziata da Michelangelo nel 1521 e ultimata dal Vasari e dall’Ammannati intorno al 1555.
Su un lato del vano a pianta quadrata e coperto da cupola a cassettoni radianti, si apre un’abside anch’essa quadrata con altare, mentre sul lato opposto, sopra il semplicissimo sarcofago a cassa contenente le spoglie di Lorenzo de’ Medici e del fratello Giovanni, si trova la splendida scultura di Michelangelo, Madonna col Bambino. Gli altri due lati accolgono i due celeberrimi sepolcri medicei che Michelangelo scolpì prima della sua partenza da Firenze, avvenuta nel 1534. Si tratta dei sepolcri di Lorenzo, duca d’Urbino in atteggiamento pensoso tra le figure dell’aurora e del crepuscolo e di Giuliano duca di Nemours rappresentato come un giovane guerriero tra le figure del giorno e della notte. Nell’abside sono esposti disegni di Michelangelo e della sua scuola.

VIA DE’ CERRETANI E SANTA MARIA MAGGIORE

Si tratta di una delle più animate vie di Firenze. Su di essa si affaccia Santa Maria Maggiore costruzione gotica del milleduecento, poi rimaneggiata. L’interno sobrio e severo presenta affreschi del trecento, mentre la cappella a sinistra del presbiterio conserva una tavola del duecento con una Madona in rilievo.

PIAZZA ANTINORI

Prende il nome da Palazzo Antinori, eretto da Giuliano da Maiano tra il 1461 e il 1466, che vi prospetta la sua sobria e nobile facciata.

VIA DE’ TORNABUONI

La via, molto elegante nei suoi negozi e luoghi di ritrovo, si svolge sinuosa sino all’Arno. La fiancheggiano edifici databili dal XV al XIX secolo, dall’alto valore architettonico tra i quali primeggia Palazzo Strozzi.
Una curiosità: al secondo piano di un palazzo – fortezza, precisamente al n°2, si trova il Museo Ferragamo in cui sono esposte le calzature indossate da principesse e stelle del cinema, create da questa casa di moda nell’arco di quasi un secolo. L’ingresso è libero e la prenotazione è gradita (Tel: 0553360456)

PALAZZO STROZZI

Piazza degli Strozzi, 6
Filippo Strozzi diede inizio nel 1489 a una dimora  che a sé e a tutti i suoi in Italia desse nome.
La grandiosità del palazzo è testimoniata dal fatto che l’area per la sua costruzione venne ottenuta abbattendo quindici case. Benedetto da Maiano, su progetto di Giuliano da Sangallo, ne iniziò la costruzione, portata a termine poi dall’architetto Cronaca al quale si devono lo stupendo cornicione e il bel cortile. Il palazzo sorge isolato tra quattro strade, un cubo di proporzioni perfette, simbolo di un equilibrio e di una razionalità pienamente conquistati.

PIAZZA SANTA TRINITA

Vi sorge al centro la colonna monolitica intitolata alla Giustizia, proveniente dalle Terme di Caracalla di Roma (la statua alla sua sommità è del 1581).

SANTA TRINITA

Piazza di Santa Trinita
ORARI:dal lunedì al sabato 8.00 – 12.00 e dalle 14.00 alle 18.00; domenica dalle 14.00 alle 18.00
Tel: 055216912


La facciata barocca del 1594 è del Buontalenti. L’interno gotico presenta tre navate su pilastri con archi a sesto acuto e crociere. La chiesa custodisce opere del trecento e del quattrocento (tavole agli altari e affreschi alle pareti). La seconda cappella a destra del presbiterio (cappella Sassetti) è famosa per i dipinti di Domenico Ghirlandaio che la ornano. Nella seconda cappella a sinistra del presbiterio è possibile visitare la bella tomba Federighi, in marmo e terracotta smaltata, opera di Luca della Robbia.

PONTE SANTA TRINITA

A tre arcate, capolavoro di Bartolomeo Ammannati (1570) è il più maestoso dei ponti sull’Arno. Distrutto dalle mine durante la guerra è stato ricostruito esattamente com’era, ripescando dall’Arno e restaurando le statue rappresentanti le quattro stagioni, che ne costituivano l’ornamento. Dal ponte si gode una splendida veduta dei lungarni, a valle sino alle cascine e a monte  sino a S. Miniato.

II TRATTO: da lungarno Corsini a Santa Maria Novella

Si tratta di un percorso composito che permette un confronto tra lo stile barocco, presente in Palazzo Corsini e nella facciata della chiesa di Ognissanti con lo stile gotico della facciata di S. Maria Novella in cui la monumentalità del portale, delle colonne e dell’alto architrave, è come frenata dalla linearità e dalla geometrizzazione della tarsia di marmi colorati che porta la firma di Leon Battista Alberti.

  1. Lungarno Corsini
  2. Palazzo Corsini
  3. Basilica Ognissanti
  4. Palazzo Rucellai
  5. Piazza Santa Maria Novella
  6. Basilica di Santa Maria Novella
  7. Farmacia di Santa Maria Novella

LUNGARNO CORSINI

È il tratto più bello dei lungarni, ritmato dalla presenza di nobili palazzi. Al termine del lungarno si trova il ponte alla Carraia, ricostruito.

PALAZZO CORSINI

Lungarno Corsini, 10

Eretto nella seconda metà del secolo XVII dagli architetti Pier Francesco Silvani e Antonio Ferri si presenta come costruzione armonica in cui il fasto barocco è temprato e ingentilito dal gusto per il rigore tipico di Firenze. Unico elemento baroccamente scenografico nella facciata dell’edificio dall’accentuata orizzontalità, è il coronamento del tetto con statue e grandi vasi. Il palazzo ospita al suo interno la Galleria Corsini, la più ricca raccolta privata di opere d’arte della città.

Galleria Corsini
Via del Parione, 11
Visita previo appuntamento
Telefonare tra le 14.30 e le 17.30
Tel: 0552189

In sale dal ricco decoro barocco sono esposti dipinti di scuola fiorentina del ‘400 e del ‘500 tra cui spiccano le opere di Pontormo, Signorelli, Filippino Lippi, e numerose opere di artisti italiani e tranieri del ‘600 e del ‘700.

 BASILICA OGNISSANTI


Sorge sull’omonima piazza sulla quale prospetta la facciata progettata dal Nigetti (1637) di chiaro stile barocco, illuminata dall’inserimento in essa di una terracotta robbiana. Lo slancio verso l’alto dell’agile campanile è l’unica testimonianza della primitiva costruzione gotica.
All’interno, nel II altare destro, dove si trova la pietra tombale della famiglia Vespucci, si possono ammirare affreschi del Ghirlandaio.Attraverso un chiostro rinascimentale si accede all’antico refettorio del convento sulla cui parete di fondo è affrescato il famoso Cenacolo del Ghirlandaio e sulle cui pareti laterali fanno mostra di sè gli affreschi raffiguranti S. Agostino del Botticelli (1480) e S. Girolamo del Ghirlandaio.


 

PALAZZO RUCELLAI

Via della Vigna Nuova, 16
Borgo Ognissanti, 42
ORARI: dal lunedì al sabato ore 7.30 – 12.30 e 15.30 – 19.30
Il CENACOLO è visitabile lunedì, martedì e sabato dalle 9.00 alle 12.00

I lavori di fabbricazione del palazzo, capolavoro dell’architettura del primo Rinascimento, furono diretti da Bernardo Rossellino su progetto di Leon Battista Alberti che in questo edificio concretizza le regole architettoniche del ben costruire da lui espresse nell’opera De re aedificatoria, secondo le quali l’artista deve esprimere l’idea, mentre l’esecuzione spetta ad altri.
In questa opera L. B. Alberti si rivela conoscitore profondo dell’arte antica come mostrano i  portali schiettamente romani e la fascia a finto reticolato del piano terreno, dalla quale si innalzano lievi lesene doriche.
Nel bugnato della facciata inoltre non viene riportato il taglio reale delle pietre, ma viene realizzato un reticolato di raffinata composizione grafica.
Nella piazzetta antistante il palazzo, si può ammirare la bella loggia dei Rucellaia tre arcate (1467).

PIAZZA SANTA MARIA NOVELLA

La piazza che prende il nome dalla chiesa che le fa da sfondo, è ornata al centro da due obelischi marmorei del 1600 che segnavano i punti estremi delle corse per il Palio dei Cocchi. Prospetta sulla piazza anche la Loggia di San Paolo, con le sue eleganti arcate su colonne. La loggia presenta sul fronte dei medaglioni in terracotta di Giovanni della Robbia e nella lunetta sotto il portico, l’Incontro di S. Domenico e S. Francesco di Andrea della Robbia.

FARMACIAOF SANTA MARIA NOVELLA

Via della Scala, 16
INGRESSO LIBERO
ORARI: dal lunedì al venerdì ore 9.30 – 19.30 , domenica: 10.30 – 18.30
Tel: 055216276
Email: www.smnovella.com

In una cappella del quattordicesimo secolo è allocata una delle più antiche farmacie del mondo, sorta ad opera dei Padri Domenicani. Quando nel milleduecento i Domenicani giunsero a Firenze dovettero affrontare il problema delle malattie all’apparato respiratorio. Cominciarono quindi a piantare erbe per ricavarne poi medicinali e unguenti per i fratelli ammalati. Questi farmaci li resero famosi e nel 1612 venne aperta una vera e propria farmacia. Alcune stanze conservano ancora gli affreschi originali del quattordicesimo secolo. In conseguenza della confisca operata da Napoleone ai beni della chiesa, la farmacia subì un sostanziale rifacimento e divenne privata. I locali, profumatissimi, sono ricolmi di unguenti, lozioni, erbe mediche che curano malattie che vanno dagli occhi stanchi alla cellulite. Alcuni articoli sono tuttora fabbricati secondo le antiche ricette dei Padri Domenicani, altri invece seguono le regole attuali, ma tutti i prodotti venduti vengono impacchettati con quello stile elegante che richiama al vecchio mondo.
Da non perdere: una visita alla Sala Verde in cui si può assistere alla produzione di saponi con macchinari risalenti al 1800. Una raccomandazione: regalatevi un piccolo sacchetto di potpourri!.

BASILICA DI SANTA MARIA NOVELLA

Piazza di Santa Maria Novella
Visita a pagamento
ORARI: dal lunedì al sabato ore 9.30 – 17.00; domenica ore 13.00 – 17.00
Tel: 055215918

Chiostri di Santa Maria Novella  
Piazza di Santa Maria Novella, 19
Visita a pagamento
ORARI: dal sabato al giovedì ore 9.00 – 14.00
Tel: 055282187


Si tratta di un complesso di costruzioni gotiche.
  • Chiostro Verde (1350): il nome deriva dagli affreschi alle pareti, opera di vari artisti del quattrocento tra i quali spicca Paolo Uccello.Ora gli affreschi, staccati, si trovano nella vicina Sala del Refettorio.
  • Cappellone degli Spagnoli (XIV secolo): il vasto ambiente, costruito da I. Talenti, mostra sull’altare un polittico di B. Gaddi e presenta alle pareti affreschi di Andrea da Firenze.
  • Chiostrino dei Morti: gli affreschi, molto suggestivi, risalgono al trecento.
.
 

Hotel Consigliati


Hotel Villa Carlotta
4 stars
Hotel Villa Carlotta
Via Michele di Lando, 3
Zona: Palazzo Pitti
E' una romantica Villa Patrizia ottocentesca, situata nella tranquilla zona residenziale di Porta Romana.

 

Hotel Montreal
2 stars
Hotel Montreal
Via della Scala, 43
Zona: Santa Maria Novella
L'Hotel Montreal è situato nel centro storico della città, molto vicino alla stazione centrale di Santa Maria Novella ed ai maggiori musei cittadini.

 

Hotel Elite
best hotel
2 stars
Hotel Elite
Via della Scala, 12
Zone: Santa Maria Novella - Duomo
L'Hotel Elite è un piccolo e comodo hotel 2 stelle nel centro storico di Firenze

Hotel First
best hotel
4 stars
Hotel First
Via Ciolli, 5
Zone: Calenzano
L'Hotel First si trova vicino l'uscita Calenzano/Sesto Fiorentino dell'Autostrada e ad 1,5 km da Firenze



Eventi a Firenze
Firenze
Dom

34°C
Lun

35°C
Mar

37°C